Podcast

Open Arms: Salvini a processo per sequestro di persona

Si apre oggi a Palermo, nell’Aula bunker del carcere dell’Ucciardone l’udienza preliminare a carico dell’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini per sequestro di persona. Un processo politico contro il capo dell’opposizione che fermò lo sbarco di un centinaio di migranti dalla nave della ONG spagnola Proactiva Open Arms.

Matteo Salvinirischia 15 anni di carcereper aver impedito lo sbarco di un centinaio di migranti dalla nave Open Armsnell’Agosto del 2019. 

L’udienza preliminare, davanti al GUP Lorenzo Jannelli, si svolgerà a porte chiuse nell’aula bunker del Carcere dell’Ucciardone, costruita nel 1985 per ospitare il Maxiprocessocontro “Cosa Nostra” istruito dai magistrati Giovanni FalconePaolo Borsellino. All’epoca gli imputati furono 475 e si trattava di un processo gravissimo per fatti di mafia, in questo caso invece l’imputato è soltanto uno e si tratta di un processo politico.

Il Giudice per l’Udienza preliminare dovrà valutare se le indagini hanno prodotto prove sufficienti ed idonee per sostenere l’accusa in giudizio: in questo caso Matteo Salvini sarà rinviato dinanzi al Tribunale che ne accerterà l’eventuale colpevolezza. Durante l’udienza preliminare sarà valutata anche l’ammissibilità delle costituzioni di parte civile, cioè di quelle parti che ritengono di essere state danneggiate dal reato. Al momento sono nove, ma non è escluso che se ne possano aggiungere anche delle altre. 

Articoli correlati

Si tratta di 5 migranti clandestini, dell’Associazione Legambiente, dell’Associazione “Accoglie Rete“, della ONG “Save Humans” e dell’ARCI.

Come si svolsero i fatti?

Nella notte tra il 14 ed il 15 agostola nave noleggiata dalla ONG spagnola Proactiva Open Arms(finanziata anche da George Soros) giunse presso le coste dell’isola diLampedusacon a bordo 123 migranti ai quali fu impedito lo sbarco con un decreto del Ministro dell’Interno di concerto con il Ministro della Difesa (Elisabetta Trenta) e con il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti (Danilo Toninelli). Dalla nave furono sbarcati immediatamente le persone in difficoltà e i minori (alcuni dei quali non si rivelarono minorenni) e il resto dei migranti avrebbe dovuto essere condotta in Spagna(luogo di immatricolazione della nave) dove le autorità avevano già autorizzato lo sbarco.

La ONG Open Armssi rifiutò, sostenendo che il viaggio avrebbe messo a rischio la vita dei clandestini, quindi rimase ormeggiata in porto senza riprendere il largo. Dopo un’ispezione a bordo, i magistrati di Agrigento, ordinarono lo sbarco d’urgenza dei migranti e accusarono Matteo Salvinidi sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio.

Un processo politico.

La Giunta per le Immunità del Senatopresieduta da Maurizio Gasparriespresse parere negativo all’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, grazie al voto determinante di una senatrice del Movimento 5 StelleAlessandra Riccardiche votò in dissenso dal suo gruppo e con l’astensione di tre senatori di Italia Viva.

Dalla ricostruzione operata in Giunta, infatti, emerse chiaramente come l’azione del Ministro dell’Interno rappresentava la linea politica dell’intero Governoe rispondeva ad un “preminente interesse pubblico nell’esercizio della funzione di Governo

In Senato, però le cose si ribaltarono, perché Renzicon la sua Italia Vivavotò a favore del processo. Si sa bene che Matteo Renziè abilissimo nelle negoziazioni, specialmente quando i suoi voti sono determinanti e, in quel caso, lo erano. Quindi, ottenuto quanto voleva, con una bella piroetta rispetto alla posizione assunta in Giunta per le Immunità, si schierò a fianco delPresidente del Consiglioin questa che è una vera e propria vendetta politica.

Giuseppe Conte è corresponsabile di ogni decisione.

Giuseppe Conteavallò e concordò con Matteo Salviniogni decisione sulla vicenda Open Arms. Dall’analisi dei documenti prodotti alla Giunta per le Immunità è emerso un carteggio con il quale Conte e Salviniconcordarono di far sbarcare dalla nave i minorenni, quindi anche di lasciare a bordo le altre persone.

Purtroppo questo atto denota la vera natura di Giuseppe Conte.

Aggiornamenti:

  • Si sono costituite parti civili: 7 migranti, Legambiente, Accoglie Rete, Giuristi Democratici, Ciss, Open Arms, Mediterranea Sanving Humans, Cittadinanza Attiva, Reig Creus (comandante dell’imbarcazione).

Lascia un commento

Back to top button